HOME

PROFILO
SERVIZI
CONTATTI


Cosa è la “Certificazione Energetica” …ed a che cosa serve

 
La certificazione energetica ha la funzione di attestare la prestazione e le caratteristiche energetiche di un edificio, in modo da consentire al cittadino una valutazione di confronto di tali caratteristiche rispetto ai valori di riferimento previsti dalla legge, unitamente ad eventuali suggerimenti per il miglioramento della resa energetica dell’edificio.
 
L’attestato di certificazione energetica ha validità per dieci anni e deve essere aggiornato quando vi siano interventi che modifichino la prestazione energetica dell’edificio o degli impianti termici.
La certificazione energetica degli edifici è obbligatoria per tutte le categorie di edifici, secondo la seguente scadenza temporale e nei seguenti casi:

-       dal 1° settembre 2007:
▪    edifici di nuova costruzione, interventi di demolizione e ricostruzione in ristrutturazione, ristrutturazioni edilizie superiori al 25 %, recupero dei sottotetti a fini abitativi e ampliamenti volumetrici superiori al 20%;
▪    per tutti gli edifici, nel caso di trasferimento a titolo oneroso dell’intero che avvenga mediante la cessione di tutte le unità immobiliari che lo compongono effettuata con un unico contratto;
▪    a decorrere dal 1° settembre 2007 ed entro il 1° luglio 2010, nel caso di edifici di proprietà pubblica o adibiti ad uso pubblico, la cui superficie utile superi i 1000 m2;
▪    per accedere agli incentivi ed alle agevolazioni di qualsiasi natura, sia come sgravi fiscali o contributi a carico di fondi pubblici o della generalità degli utenti, finalizzati al miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio o degli impianti.
   
      - dal 1° gennaio 2008:
▪    contratti Servizio Energia e Servizio Energia, nuovi o rinnovati, relativi ad edifici pubblici o privati;
 
     - dal 1° luglio 2009:
▪    trasferimento a titolo oneroso delle singole unità immobiliari.
 
     - dal 1° luglio 2010:
▪    contratti di locazione, di locazione finanziaria e di affitto di azienda comprensivo di immobili, siano essi nuovi o rinnovati, riferiti a una o più unità immobiliari.
Spicca l’obbligo di allegare, dal 1° luglio 2009, l’attestato di certificazione energetica agli atti di trasferimento a titolo oneroso di i
nteri immobili o di singole unità immobiliari, tra i quali rientrano, oltre alla compravendita, la permuta, il conferimento in società, le assegnazioni ai soci in sede di liquidazione; e, comunque, tutte le altre ipotesi che prevedono l’immissione del bene nel mercato immobiliare e la sua successiva commercializzazione.
-       L’attestato di certificazione energetica (o di qualificazione energetica in caso di carenze normative da parte delle Regioni e delle Provincie) è necessario per accedere alle agevolazioni fiscali in tema di risparmio energetico.
 

 

Obbligo Certificazione Energetica per Immobili in Pubblicità sia in Vendita che in Affitto
 
Dal 1 Gennaio 2012 in tutti gli annunci di vendita di edifici o singole unità immobiliari sarà obbligatorio inserire l’indice di prestazione energetica presente nell’Attestato di Certificazione Energetica dell’Immobile (ACE).
 
L’obbligo è stabilito dal decreto legislativo di recepimento della direttiva 2009/28/CE sulla promozione delle fonti rinnovabili, di prossima entrata in vigore.
 
Lo stesso decreto prevede l’obbligo di inserimento della classe energetica anche negli annunci commerciali di immobili in affitto.
 
Per le locazioni però l’obbligo è previsto solo per i casi in cui l’ immobile sia già dotato dell’ ACE: solo, dunque, per gli immobili oggetto di recente costruzione o compravendita o di interventi per i quali si è usufruito delle detrazioni fiscali del55%o.
  
La legge sopra citata prevede che per tutti gli annunci immobiliari, siano essi di vendita o locazione,  sarà obbligatorio inserire la classe energetica e  l’indice di prestazione energetica presente nell’Attestato di Certificazione.
 


 
Obbligo certificazione energetica per affitti e compravendite
 
L’obbligo certificazione energetica deriva da una normativa di carattere comunitario recepito da un Decreto Legislativo di carattere nazionale ed attuata attraverso numerosi decreti della giunta regionale della regione Lombardia.
L’obbligo certificazione energetica è ormai una realtà in qualsiasi tipo di movimentazione del patrimonio immobiliare, sia essa una compravendita (obbligo certificazione energetica compravendita) oppure un affitto (obbligo certificazione energetica affitto) in quanto in assenza di detta documentazione non è possibile stipulare la compravendita o rendere regolare il contratto di affitto.
L’obbligo certificazione energetica è un costo ricade sul venditore o sul locatore ma molto spesso le parti si accordano per una divisione, a volte equa, della spesa così che anche l’acquirente possa avere il controllo sul soggetto certificatore al quale viene conferito formalmente l’incarico relativo all’obbligo certificazione energetica.
Circa i tempi per produrre la certificazione energetica, di norma partono da un minimo di una settimana ad un massimo non definibile in quanto alcune tipologie abitative, per esempio palazzi, capannoni industriali di ampie dimensioni, capannoni commerciali, possono comportare un notevole sforzo da parte del soggetto incaricato alla produzione della certificazione energetica.
Terminata la fase di calcoli l’ulteriore obbligo connesso alla certificazione energetica è quello di protocollare il documento presso il comune ove ha sede l’immobile oggetto di obbligo certificazione energetica. Questa ulteriore procedura, semplice atto formale, si trasforma, in alcuni casi, in un notevole dispendio in termini di tempo in quanto la regione Lombardia non ha stabilito alcuna procedura “standardizzata” per la vidimazione dell’atto stesso. Questo obbligo di consegna della certificazione energetica al comune risulta invece molto semplice in alcuni comuni quali ad esempio quello di Milano che rilascia la pratica seduta stante (code a parte).
Circa la documentazione necessaria per adempiere all’obbligo certificazione energetica, il proprietario dell’immobile è tenuto a consegnare al soggetto certificatore una serie di documenti di semplice reperibilità che sono di fondamentale importanza per la completa redazione dell’atto. Tra i documenti fondamentali si citano a mero titolo esemplificativo, la visura catastale dell’immobile, il verbale della prova dei fumi ed il libretto di caldaia. In mancanza di queste informazioni è obbligo del proprietario dell’immobile reperirli, anche se in alcuni casi molte informazioni si possono trovare presso gli uffici comunali o direttamente su internet.
 


Autodichiarazione certificazione energetica edifici

 
Molto spesso, nell’ambito della certificazione energetica degli edifici si sente parlare di autodichiarazione “certificazione energetica”. Si deve innanzitutto chiarire che detta autodichiarazione prevista dal punto 9, Allegato A (art. 3 comma 1) alle linee guida nazionale per la certificazione energetica degli edifici, D.M. 26 giugno 2009 con cui il proprietario dichiara che l’edifico oggetto di compravendita è di classe “G” non sostituisce l’attestato di certificazione energetica previsto dalla regione Lombardia con i numerosi decreti in materia. La procedura di autodichiarazione certificazione energetica si applica infatti soltanto nelle regioni non ancora dotate di proprie leggi in materia.
L’autodichiarazione quindi costituisce una alternativa alla dotazione dell’ace da rendere in sede di trasferimento dell’immobile solo ed esclusivamente per quelle poche regioni che non hanno legiferato in materia.
Passo fondamentale, per evitare spiacevoli sorprese di fronte al notaio, è quello di verificare se la regione in cui si trova l’immobile ha legiferato una propria normativa in merito. In questo caso occorre quindi affidarsi ad un soggetto abilitato per la redazione dell’atto formale secondo le procedure in vigore.
 L’autodichiarazione redatta dal proprietario per gli edifici di superficie utile inferiore o uguale ai 1000 mq mantenendo la garanzia di una corretta informazione all’acquirente, il proprietario dell’edificio, consapevole della scadente qualità energetica dell’immobile può scegliere di ottemperare agli obblighi di legge attraverso una dichiarazione in cui afferma che:
▪    l’edifico è di classe energetica “G”;
▪    i costi per la gestione energetica dell’edificio sono molto alti;
▪    il comfort ambientale è scadente;
▪    l’edificio contribuisce in modo significativo all’inquinamento dell’ambiente.
Entro 15 giorni dal rilascio di detta autodichiarazione certificazione energetica il proprietario ne trasmette copia alla regione o provincia autonoma competente per territorio.
L’autodichiarazione non è quindi applicabile per gli edifici presenti sul territorio lombardo.
La certificazione energetica per la regione Lombardia è una procedura che è stata introdotta in maniera graduale così da rendere continua l’operatività dei notai nell’ambito del trasferimento a titolo oneroso degli edifici ed è stata suddivisa dal D.G.R. VIII/8745 secondo le seguenti scadenze della certificazione energetica:
Scadenze certificazione energetica: dal 1° settembre 2007:
▪                        edifici di nuova costruzione, interventi di demolizione e ricostruzione in ristrutturazione, ristrutturazioni edilizie superiori al 25 %, recupero dei sottotetti a fini abitativi e ampliamenti volumetrici superiori al 20%;
▪                        per tutti gli edifici, nel caso di trasferimento a titolo oneroso dell'intero che avvenga mediante la cessione di tutte le unità immobiliari che lo compongono effettuata con un unico contratto;
▪                        a decorrere dal 1° settembre 2007 ed entro il 1° luglio 2010, nel caso di edifici di proprietà pubblica o adibiti ad uso pubblico, la cui superficie utile superi i 1000 m2;
▪                        per accedere agli incentivi ed alle agevolazioni di qualsiasi natura, sia come sgravi fiscali o contributi a carico di fondi pubblici o della generalità degli utenti, finalizzati al miglioramento delle prestazioni energetiche dell’edificio o degli impianti.
Scadenze certificazione energetica: dal 1° gennaio 2008:
▪            contratti Servizio Energia e Servizio Energia “Plus”, nuovi o rinnovati, relativi ad edifici pubblici o privati;
▪                        provvedimenti giudiziali portanti trasferimenti immobiliari resi nell’ambito di procedure esecutive individuali e di vendite conseguenti a procedure concorsuali purché le stesse si siano aperte, rispettivamente, con pignoramenti trascritti ovvero con provvedimenti pronunciati a decorrere dal 1° gennaio 2008 e purché le stesse abbiano ad oggetto edifici per i quali ricorrono gli obblighi di allegazione di cui alle fattispecie considerate dal punto 9 della DGR VIII/8745.
▪                        dalla data di entrata in vigore della DGR VIII/8745
▪                        contratti, nuovi o rinnovati, relativi alla gestione degli impianti termici o di climatizzazione degli edifici pubblici, o nei quali figura comunque come committente un Soggetto pubblico.
Scadenze certificazione energetica: dal 1° luglio 2009:
▪            trasferimento a titolo oneroso delle singole unità immobiliari.
Scadenze certificazione energetica: dal 1° luglio 2010:
-           contratti di locazione, di locazione finanziaria e di affitto di azienda comprensivo di immobili, siano essi nuovi o rinnovati, riferiti a una o più unità immobiliari.
 

 

I professionisti abilitati alla certificazione energetica
 
Se siete alla ricerca di professionisti abilitati certificazione energetica potete rivolgervi con fiducia alla nostra struttura che è in grado di adempiere, in tempi rapidi e a costi competitivi, a tutti gli obblighi imposti dalla regione Lombardia in materia di certificazione energetica.
Circa la tematica dei professionisti abilitati alla certificazione energetica è presente una situazione abbastanza complessa che, in qualche modo, resta vicina a quello che è il complesso quadro normativo di carattere nazionale e regionale attualmente presente sul nostro territorio.
Ingegneri, Architetti, laureati in Scienze Agrarie, Forestali ed Ambientali, Geometri, Periti industriale, agrari e agrotecnici saranno i professionisti abilitati alla certificazione energetica degli edifici. Più in particolare i professionisti abilitati alla certificazione energetica potranno essere sia dipendenti pubblici o privati che liberi professionisti iscritti al relativo ordine o collegio professionale.
Per diventare professionisti abilitati certificazione energetica ci si deve poi scontrare con le norme di ogni singola regione che prevedono o meno l’obbligo di frequentare un corso di formazione. Attualmente la regione Lombardia, da sempre capofila in materia di certificazione energetica, ha stabilito come requisito fondamentale la frequentazione di un corso di formazione della durata minima di 80 ore in aula e con il superamento di un esame finale .
Questa procedura non è invece seguita da altre regione che potrebbero addirittura dare accesso alla qualifica di professionisti abilitati certificazione energetica  anche a soggetti in possesso di uno specifico titolo di studio anche senza la frequentazione di un corso apposito.
Se così fosse si andrebbe in contro all’ennesima differenza nell’ambito della certificazione energetica, con regioni nelle quali i professionisti abilitati hanno, nonostante percorsi di studio tecnici, seguito un corso di formazione, ed altre nelle quali l’abilitazione potrebbe essere raggiunta in modo molto più semplice.
 

 

Certificazione energetica regione Lombardia
 
Introdotta in Lombardia nel settembre del 2007 la certificazione energetica Lombardia è uno strumento che viene utilizzato per valutare il consumo energetico di un edificio. Tale strumento è obbligatorio per tutti gli immobili soggetti a trasferimento a titolo oneroso oppure in caso di affitto.
In quanto strumento di valutazione, la certificazione energetica Lombardia deve essere fatta da un professionista esperto iscritto all’elenco dei certificatori energetici, dotato di uno specifico titolo di studio (laurea in Architettura o in Ingegneria, laurea specialistica in Chimica, in Scienze e Tecnologie Forestali e Ambientali o Agrarie, diploma di geometra, perito industriale o agrario), abilitato all’esercizio della professione nonché iscritto all’Ordine o al Collegio professionale di pertinenza. Inoltre, per produrre una certificazione energetica Lombardia è necessario aver frequentato uno specifico corso di formazione e aver superato il relativo esame di abilitazione.
Al termine della certificazione energetica Lombardia il professionista rilascia un certificato consegnato dall’organismo di certificazione, il quale riporta gli esiti della valutazione effettuata. Tale documento ha una validità di 10 anni a meno che nel frattempo non siano state apportate modifiche relative alle prestazioni termiche  dell’immobile oggetto di certificazione energetica Lombardia.
La certificazione energetica Lombardia è necessaria ogni qual volta bisogna alienare a titolo oneroso un immobile oppure nel caso in cui lo stesso sia oggetto di un contratto di affitto nuovo o rinnovato. Il documento di certificazione energetica Lombardia, previa vidimazione formale presso il Comune di competenza, deve essere infatti accompagnato all’atto di vendita in caso di trasferimento a titolo oneroso o allegato al contratto in caso di affitto.
In relazione alle tempistiche necessarie per il protocollo presso il Comune di competenza la regione Lombardia non ha stabilito alcuna “procedura standardizzata” e pertanto ogni comune presente nella regione Lombardia adotta un proprio criterio in relazione alla riconsegna della certificazione energetica.
Per alcuni Comuni le tempistiche sono immediate (regione Lombardia, Comune di Milano) per altri i tempi possono essere più dilatati. È di norma prassi che il soggetto che redige la certificazione energetica verifichi, se del caso in concerto con il cliente, le tempistiche tecniche per il protocollo stesso.
La nostra società, leader nel settore della certificazione energetica, è in grado di redigere la certificazione energetica in Lombardia in tempi rapidi ed a costi competitivi, . Non esitate a contattarci per un preventivo di spesa per la certificazione energetica del vostro immobile, verrete assistiti da un professionista esperto e qualificato.